SEI UN PROPRIETARIO AUTOREFERENZIALE ?

SEI UN PROPRIETARIO AUTOREFERENZIALE ?

Alcune dichiarazioni o modi di pensare diciamolo, senza condizionamenti emotivi, non hanno un qualche senso pratico, sono la pura espressione di uno stato d’animo, di un desiderio o anche di un timore ….

“ Nessuno può dirmi a quanto devo vendere !!!! Chi vuole acquistare la comprerà alle mie condizioni. "

Come se per le abitazioni non ci fosse un mercato, ma un luogo dove ognuno fa il proprio prezzo e l'acquirente non ha diritto di replica. Come per tutti i prodotti invece è l'acquirente con le sue scelte che determina prezzi e flussi di acquisto.

" Se le capita (riferito all'agente immobiliare) qualcuno interessato la proponga. No, l'ho già detto ai suoi colleghi, io non do esclusive a nessuno. Questa abitazione si venderebbe da sola se facessi i prezzi che suggerite. E' esclusiva, l'ha comprata mio padre, la guardi non è per tutti ".

Eppure sui siti la offrono dalle 3 alle 10 agenzie, tutte in fila, anche talvolta con misure e prezzi diversi ... non traspare in alcun modo quanto sia esclusiva neanche nell'agire di questo proprietario, che non vendendo spera che la quantità di agenti possa fare la differenza. E non la farà.

" Qualche agente mi ha portato dei clienti ma non erano qualificati, io non capisco come lavorino. Solo per dirle che io non ho tempo da perdere in visite inutili. "

In effetti avrebbe dovuto quel tale agente evitare quelle visite del tutto inutili visto che l'immobile non ha a quelle condizioni di avere acquirenti qualificati, in grado quindi di fare una proposta.

“ Io non svendo. Non ho fretta ! Qualcosa ben inteso sono disposto a trattare, ma con gente concreta ! Questa abitazione è ... particolare, è per pochi!  Io ci ho vissuto benissimo. Se non ne capiscono il valore, non la svendo ".

L'abitazione vale meno, molto meno di quanto dichiara e desidera questo proprietario, tutto qui. Non sta svendendo perché non vale il prezzo di 10 anni fa, e nessuno sarà disposto a pagarlo oggi.

Un prezzo di vendita di un’abitazione non può nascere:

- dal costo di acquisto di 10/15/30 anni 

-rivalutato ad oggi 

-che esclude la svalutazione dello scorso decennio

-con l’aggiunta del costo delle manutenzioni che ha speso per viverci.

Il sistema di valutazione al quale si rifanno gli agenti immobiliari non è autoreferenziale, è internazionale ed ha parametri unici.

 “ Vendo ad un prezzo netto. Nel prezzo sono incluse anche le commissioni !! “ 

Il commento a questa frase non la farò neanche su questo BLOG, dico solo che a un qualsiasi professionista SERIO non si può fare una simile dichiarazione. Noi rappresentiamo anche gli acquirenti, e non possiamo presentare un prezzo ricaricato, le commissioni rientrano nel costo che il proprietario sostiene per realizzare la vendita, e vanno trattate come un extra rispetto al prezzo di acquisto. 

Così come accade per l'acquirente, le commissioni dell'agente, le tasse, il notaio, non rientrano nel prezzo di acquisto della casa. Sono un extra.

“ Al prezzo di mercato … me la vendo da solo “ 

Ci hanno provato in molti ... e poi si sono dovuti affidare ad un agente. Al prezzo di mercato ci sono in vendita centinaia di abitazioni, all'apparenza tutte simili ... senza l'aiuto di un agente immobiliare chiedete ai potenziali acquirenti quanta fatica e tempo costa riuscire ad individuare quello che cercano.

Ricordiamo che sui siti /portali immobiliari ci sono gli immobili INVENDUTI, non solo quelli in saranno venduti a breve. La differenza è sostanziale.

Il PROPRIETARIO AUTOREFERENZIALE chiede talvolta onestamente stupito ai diversi agenti immobiliari:

a) “ Perché non si vende ? Un mio vicino ha venduto !!! “ Il prezzo di vendita del vicino, che peraltro secondo lui ha svenduto, è  del tutto ininfluente .... del resto il vicino era un cretino che non sapeva fare i propri affari.

b) " Come mai non fate visite ? " Tra un immobile fuori prezzo e centinaia a prezzi coerenti, quale sceglierà di visitare per primo l’acquirente ? Ci si stupisce che non ci siano visitatori ? 

c) " Perché avete fatto tante visite … ma non avete preso nessuna proposta ? "   Quando c'è un forte divario con il prezzo offerto e il prezzo che si ritiene corretto, chi farebbe una proposta per farsela rifiutare ? 

d) " Il prezzo è trattabile ... glielo ha detto ? " Una vecchia logica che raramente incontra le aspettative del potenziale acquirente quando la trattabilità è tale da rendere poco credibile l’offerta stessa.

Occorre prendere atto che sarebbe meglio fidarsi del proprio agente immobiliare e rivedere le condizioni di offerta affinchè diventino serie e credibili perchè i fatti enunciati dimostrano che non costituiscono un'opportunità per l'acquirente.

L'acquirente raramente ha peli sulla lingua con l'agente:

" Qualcuno crede ancora che si acquisti un'abitazione come si faceva anni fa. Oggi nessuno può permettersi di buttare via soldi e perdere tempo in visite inutili ".

"Che si pensi che io ci sia lo sprovveduto di turno, che non abbia capito quanto possa valere un immobile simile mi lascia perplesso, ma questo signore che vende casa sua in che parte del mondo ha vissuto finora ? " (taluni non sono così morbidi, ne dicono di ben altri colori all'agente immobiliare).

" Secondo lei, che fa l'agente quanto vale ? Lei sicuramente l'ha valutata meno. Lasci stare, a queste condizioni non me la faccia neanche vedere ".

Poi il proprietario chiede all'agente i commenti e le opinioni di chi ha visitato o ha rifiutato la visita alla sua abitazione.

Secondo voi potrà mai l'agente raccontare quello che gli viene detto senza filtri, ed essere peraltro apprezzato per questa sua estrema trasparenza o perfino creduto da questo proprietario ? La risposta la conosciamo tutti.